Intervista a Marcello Melis – I campi applicativi

illuminotecnicaDopo aver parlato in questo post dell’estensione della colorimetria a 7 bande, adesso vediamo insieme quali sono gli ambiti in cui si può applicare questa tecnica innovativa

Quali sono i potenziali campi applicativi di una simile estensione della colorimetria?

La colorimetria classica, basata sulle bande del rosso, del verde e del blu, è in grado di assegnare in modo univoco una terna di coordinate colorimetriche a qualsiasi spettro nel visibile. La ipercolorimetria proposta si prefigge lo stesso scopo, ma per una banda che va dagli UV agli IR. Oggi, chiunque lavori in settori che richiedono la ripresa in questa banda estesa, non ha alcun riferimento standard, e lavori eseguiti da gruppi diversi di studiosi non sono numericamente confrontabili. Tantomeno esiste la possibilità di costruire, per esempio, un database di “firme spettrali” di ipercolori da associare a varie superfici, pigmenti o sostanze.

Ci sono campi applicativi che potrebbero trarre grandissimo vantaggio da una standardizzazione di firme spettrali in un dominio esteso oltre il visibile. Penso al mondo della diagnostica e della conservazione di opere d’arte pittoriche, dove un’analisi preliminare dei pigmenti al fine del restauro e conservazione, deve necessariamente essere non invasiva, deve essere in grado di identificare i pigmenti originali nel modo più corretto, e deve essere “imaging”, ovvero dosata sulla misura pixel per pixel. Altra applicazione importantissima è quella della diagnostica in campo medico e in particolare in dermatologia. La creazione di una banca dati ipercolorimetrica permetterebbe di eseguire rapidissimi screening diagnostici su lesioni cutanee, distinguendo tra quelle benigne e quelle maligne. Ultimo, ma non meno importante, è l’ambito della investigazione legale, dove l’uso di tecniche al di fuori dal visibile è già largamente diffuso ma mancano standard di confronto quantitativo e numerico tra i rilievi eseguiti.
Profilocolore si sta muovendo in questi ambiti applicativi e in tanti altri grazie alla tecnologia proprietaria che è stata sviluppata in seguito ad intensi studi e ricerche.
Seguiteci e scopriremo insieme com’è nato il nostro software, quali vantaggi potrebbe apportare nei diversi ambiti e come è nata e si sta sviluppando la rivoluzionaria colorimetria a 7 bande.

 

Categorized: Colorimetria
Tagged: , ,

This Post Has 0 Comments

Leave A Reply